Fermare il riscaldamento globale con la polvere di diamante

La proposta di utilizzare le nanopaericelle contro il global warming arriva da Harvard

WhatsApp Share

Sparando polvere di diamante nell'atmosfera potremmo riflettere i raggi del sole e così facendo abbassare la temperatura del pianeta evitando l'effetto serra. Questa l'idea venuta a un gruppo di climatologi dell'università di Harvard e pubblicata su Atmospherica Chemistry and Physics.

Non è la prima volta che si discute di un'idea simile: era già toccato all'aerosol di solfati l'onere di essere considerato come un'antidoto al riscaldamento del pianeta. Però i solfati avrebbero avuto dei pericolosi effetti collaterali dato che potrebbero reagire nell'atmosfera con altre sostanze producendo acido solforico e danneggiando ulteriormente lo strato di ozono.

Ora gli esperti propongono un mix di diamante e alluminio, nella fattispecie puntano su due nanoparticelle solide: ossido di alluminio e diamanti sintetici.

Uno dei problemi maggiori per sperimentare questa opzione è il costo: un chilo di questa polvere costerebbe 100 dollari. L'idea, al di là del costo, sembra comunque di difficile applicazione, La National Academy of Sciences negli USA e il progetto EuTRACE nel vecchio continente invitano a ricercare soluzioni più realistiche.