Che cos'è il legno lunare?

L'azienda Thoma dice che il legno tagliato durante la luna calante è un legno migliore per la costruzione

WhatsApp Share

Thoma è un'azienda austriaca che si occupa della produzione di legno: dopo il debutto come piccola segheria ora è una società molto conosciuta, grazie all'idea Holz100, una brevettata tipologia di edificazione sostenibile che vive la casa come fonte di energia e salute. 

È proprio sulle pagine del loro sito che si parla del «legno lunare» e del fatto che Thoma «gestisce la segheria di legno lunare di gran lunga più grande a livello europeo».

Si tratta di un'antichissima tradizione che vuole che gli alberi vengano tagliati al momento giusto, ovvero con la luna calante; dice che quando la linfa negli alberi è allo stremo, ci troviamo nella fase non vegetativa e possiamo tagliare: il legno viene poi lasciato asciugare in verticale, a testa in giù con la sua corteccia e alcuni rami intatti – la gravità tirerà via ciò che resta della linfa tra i rami, che poi verranno tagliati. Secondo quanto affermato da Thoma e da altri produttori, questo processo produce un legno di qualità superiore che non rischia screpolature, rotture e deformazioni, così come non rischia infestazioni di insetti, garantendo alle costruzioni maggiore durata.
Inoltre, questo processo non comporta alcun uso di tossine o forni di essiccazione, creando così un impatto ambientale inferiore – «In Giappone esistono le costruzioni in legno più antiche del mondo (1600 anni) – in legno lunare», ricorda Thoma sul suo sito.

Di certo, il legno lunare è usatissimo dai liutai che affermano che il legno tagliato durante la luna calante sia migliore per costruire gli strumenti poiché più asciutto – mentre invece durante la luna crescente il contenuto di umidità è più elevato, in quanto la linfa è in corso di elaborazione nel tronco dell'albero.
Sempre sul sito, Thoma racconta che: «Presso il Politecnico federale di Zurigo sono state condotte sperimentazioni con il legno lunare per diversi anni sotto la conduzione scientifica del Professor Zürcher» e che «sono state rilevate una serie di connessioni tra i processi cellulari e il ritmo della luna crescente e calante».
In realtà, nonostante questi studi, non esiste ancora una linea univoca o una veridicità scientifica riguardo a queste affermazioni: tra scetticismo e legno lunare chi vincerà?