La caduta della Stazione Spaziale Cinese

La Cina ha perso il controllo della sua prima Stazione Spaziale nel 2016 e tra poco alcuni pezzi di quella stessa stazione potrebbero precipitare sulla Terra

WhatsApp Share

09 Febbraio 2018

L'organizzazione di ricerca Aerospace Corporation ha recentemente previsto che la stazione spaziale cinese Tiangong-1, di cui è stato perso il controllo nel 2016, potrebbe rientrare nell'atmosfera del nostro pianeta verso la metà di marzo. Pezzi per un totale di circa 900-3.600 chilogrammi di questa stazione da 8.600 chili finiranno per colpire la superficie terrestre.

Tiangong-1 fu la prima stazione costruita e varata dalla Cina: la inviarono nello spazio nel 2011 e con essa furono completate due missioni con equipaggio. Tiangong-1 era stata progettata per non dover durare molto oltre il 2013, ma la Cina decise di allungarne la vita – motivo per cui è rimasta in orbita fino a che non se ne è perso il controllo. L'orbita della stazione è gradualmente retrocessa, quindi il suo rientro sarà definitivamente non controllabile.

A rendere meno preoccupante questa notizia ci sono le previsioni di molte agenzie spaziali che hanno monitorato la stazione e che pensano che essa cadrà in una regione – a una latitudine tra i 43° Nord e i 43° Sud – che è in grande misura coperta dall'oceano. Inoltre, anche la maggior parte della terra in quella zona è disabitata. Aerospace Corporation ha detto che «la probabilità che una persona specifica (cioè tu) venga colpita dai detriti di Tiangong-1 è circa un milione di volte inferiore alle probabilità di una vincita alla lotteria».

Non è la prima volta che un oggetto così grande fa un rientro incontrollato ma, contando che l'umanità lancia oggetti nello spazio da circa 50 anni e una sola persona probabilmente è stata colpita dai detriti spaziali in tutto questo tempo, dovremmo essere tranquilli. Oltretutto, quella persona, ovvero Lottie Williams, che è stata colpita da un frammento di metallo nel 1997 mentre stava facendo una passeggiata a Tulsa, in Oklahoma – secondo la NASA a causa del rientro di un razzo Delta –, non è nemmeno stata ferita.