Inquinamento killer: un milione di morti al mese secondo l’Oms

I dati preoccupanti dell'Organizzazione mondiale della sanità sulle conseguenze dell'inquinamento per la salute

WhatsApp Share

L’ambiente dovrebbe essere la nostra ‘casa’ naturale, non il nostro peggior nemico. Invece lo abbiamo ridotto male. E la natura si vendica.

Aria inquinata, suolo inquinato, cambiamento climatico, radiazioni ultraviolette… ormai parlare dell’ambiente è un bollettino di guerra. Nel mondo ci sarebbero 12,6 milioni di morti ogni anno a causa dell’inquinamento.

Nel nostro continente, spiega l’Organizzazione mondiale della sanità, nel 2012, l'esposizione a fattori di rischio ambientale è stata fatale per 1,4 milioni di persone.

‘Un ambiente sano è alla base di una popolazione sana - spiega all’AdnKronos Flavia Bustreo, vicedirettore generale dell'Oms per la Salute della famiglia, delle donne e dei bambini - Se i Paesi non intraprendono al più presto azioni volte a ridurre l'inquinamento e migliorare le condizioni dell’ambiente in cui si vive e si lavora, in milioni continueranno ad ammalarsi e a morire prematuramente’

I più esposti all’inquinamento sono i bimbi sotto i 5 anni e gli adulti tra i 50 e i 75 anni. I più piccoli sono in pericolo soprattutto per infezioni delle basse vie respiratorie e malattie diarroiche mentre negli anziani crescono diverse patologie non trasmissibili.

In Lombardia c’è l’aria peggiore d’Europa.