Fare le pulizie inquina quanto le auto

I prodotti per pulire la casa possono inquinare l'aria così come fanno gli scarichi delle automobili

WhatsApp Share

Secondo un nuovo rapporto, prodotti quotidiani come profumi, lozioni, spray, deodoranti, detergenti per la casa e pesticidi da giardino sono una fonte primaria di inquinamento atmosferico, dannosi per la qualità dell'aria tanto quanto gli scarichi delle automobili e dei camion.

I prodotti di consumo contenenti composti raffinati dal petrolio, infatti, rilasciano nell'aria piccole quantità di particelle che producono smog, composti organici volatili (COV) di una grandezza paragonabile a quelli delle emissioni dei veicoli. Questi prodotti, però, sono stati progettati proprio in questo modo: molte delle sostanze chimici volatili che usiamo ogni giorno sono destinate a evaporare – disinfettanti, profumi, vernici, colle.

Nel rapporto, la valutazione della qualità dell'aria di Los Angeles, fatta utilizzando nuove e sofisticate apparecchiature, ha determinato che la quantità di COV emessa dai prodotti di consumo e industriali è in realtà da due a tre volte superiore a quanto stimato in precedenza.

Questa scoperta potrebbe sorprendere, dato che le persone consumano circa 15 volte più carburante in peso di quanto non facciano con i prodotti di consumo contenenti composti a base di petrolio, ma poiché i regolatori hanno bloccato l'inquinamento dei trasporti – richiedendo auto più efficienti e pompe di gas più strettamente sigillate – i prodotti di consumo sono diventati una fonte più importante di composti organici volatili.

Le precedenti stime EPA sostenevano che circa il 75% delle emissioni fossili di COV provenivano da fonti legate al carburante e circa il 25% da prodotti chimici, mentre il nuovo studio avvicina la divisione al 50 e 50, dimostrando una volta di più quanto le nostre scelte e le nostre politiche influiscano sull'ambiente.