Eliminare la CO2 e poi venderla

Un sistema sviluppato da un'azienda svizzera cattura l'anidride carbonica dall'aria e poi la piazza sul mercato

WhatsApp Share

18 Dicembre 2017

Il livello di anidride carbonica nella nostra atmosfera sta diventando insostenibile. Per questo i ricercatori in Svizzera stanno studiando un metodo per affrontare il problema, catturando l'anidride carbonica dall'aria.

Il team sta sviluppando un approccio commerciale alla cattura del carbonio, in una struttura appena fuori Zurigo. Una flotta di 18 ventilatori (grossi come lavatrici) è stata collocata sul tetto di un centro di riciclaggio. Mentre aspirano aria, i filtri rivestiti chimicamente assorbono l'anidride carbonica. Saturandosi nel giro di poche ore, questi filtri vengono riscaldati a 100°C utilizzando l'energia di scarto proveniente dall'impianto di riciclaggio, al fine di poter travare il gas puro di anidride carbonica da un'altra parte.

Questo sistema viene chiamato sistema di acquisizione diretta dell'aria ed è stato sviluppato dalla società svizzera Climeworks. È in grado di catturare fino a 900 tonnellate di anidride carbonica in un anno.

Il carbonio catturato viene successivamente inviato a una grande serra, dove aiuta a migliorare le dimensioni dei prodotti vegetali. E non viene inviato e basta, viene venduto.

Quindi, anche se rimuovere l'anidride carbonica dall'atmosfera rimane l'obiettivo della Climeworks, in realtà non è possibile continuare questo tipo di processo indefinitamente, senza un flusso di entrate, e quindi la CO2 viene venduta a 500 euro per tonnellata – questa cifra è attualmente alta perché l'azienda ha costruito tutto l'hardware necessario da zero, ma la speranza è che, come i pannelli solari e le turbine eoliche, i prezzi diminuiranno una volta aumentati gli sforzi di produzione. Climeworks vuole essere in grado di vendere anidride carbonica a circa 85 euro per tonnellata e stima che ciò potrebbe essere possibile entro due o tre anni.