Lavoro: il governo punta sul 'part-time' agevolato. Ecco di cosa si tratta

Una misura per ridurre il carico di lavoro negli anni prima della pensione

WhatsApp Share

Il ministero del lavoro ha deciso di puntare sul 'part time agevolato', una misura che vuole promuovere l'invecchiamento attivo, cioè l'uscita graduale dall'attività lavorativa. Per chi si avvicina alla pensione è in arrivo il 'contratto di lavoro a tempo parziale agevolato

È un modo per affrontare l'invecchiamento progressivo della popolazione proponendo soluzioni attive e per questo il ministero inizierà una campagna di comunicazione per promuovere questa misura. Sono attesi due spot: uno televisivo e uno radiofonico.

L'obiettivo della campagna è informare i cittadini che possono alleggerire il carico di lavoro senza conseguenze negative sul versante pensionistico e far conoscere ai datori di lavoro i vantaggi che possono derivare alle aziende applicando la formula del part-time agevolato.

Ecco chi può usufruire del part time agevolato:

  • lavoratori dipendenti del settore privato
  • contratto a tempo pieno e indeterminato
  • almeno venti anni di contributi
  • a tre anni dalla maturazione dell'età per la pensione di vecchiaia

Il lavoro mantiene attivi dal punto di vista mentale e fisico: ritardare la pensione, quindi, riduce il rischio di demenza senile