Acquedotti d’Italia colabrodo

Gli acquedotti d’Italia sono sempre più colabrodo. La denuncia del Censis

WhatsApp Share

 

 

Gli acquedotti italiani sono spreconi. Troppo. Tra il 2008 e il 2012, infatti, le perdite ‘sono aumentate ulteriormente, passando dal 32,1% al 37,4%. In pratica, rispetto alla totalità dell'acqua che viene immessa in rete, più di un terzo sparisce, non viene consumata né fatturata, non arrivando all'utente finale’. La denuncia arriva dal Censis nel 48/o rapporto annuale sulla situazione sociale del Paese, in cui si evidenzia che i dati della ‘gestione delle risorse idriche per uso civile rilanciano l'allarme su un settore che, mentre cerca di migliorare la propria efficienza gestionale, continua a operare in un contesto di pesante obsolescenza delle infrastrutture di base’.

L'Italia è ‘una vera e propria anomalia tra i grandi Paesi europei’ visto che le perdite ‘sono il 6,5% in Germania, il 15,5% in Inghilterra e Galles, il 20,9% in Franciaì’. Pesanti gli effetti economici e ambientali ‘obbligando le aziende a prelievi eccessivi alla fonte, contribuendo al depauperamento della risorsa’.

Per recuperare il terreno perduto, rimettendo a posto reti colabrodo e realizzando reti fognarie e impianti di depurazione delle acque reflue adeguati, secondo il Censis ‘servono investimenti rilevanti. Anche da questo punto di vista il confronto con l'Europa più avanzata è preoccupante: in Italia si investe ogni anno l'equivalente di 30 euro ad abitante, in Germania 80, in Francia 90 e nel Regno Unito addirittura 100 euro’.

gc