Le aranciate diventano piu’ salutari

Le bibite a base di succo d’arancia dovranno contenere una quantità minima di succo di d'arancia pari a 20 grammi per ogni 100 centimetri cubi di prodotto

WhatsApp Share

 

Le aranciate, i succhi di arancia e qualsiasi altra bibita a base di questo agrume diventa piu’ salutare (anche se di poco e ancora tanto deve esser fatto in materia): le bibite a base d'arancia vendute in Italia, infatti, dovranno contenere, secondo l'articolo 17 della legge comunitaria approvato dalla Camera,  una quantità minima di succo d'arancia pari a 20 grammi per ogni 100 centimetri cubi di prodotto.

La normativa italiana finora in vigore prevedeva per i succhi la presenza del 12% di succo d'arancia. Per Assobibe e Federalimentare viene così penalizzata l'industria italiana.