Fragole: un toccasana contro infarto e diabete

Le fragole prevengono problemi cardiaci e diabete, lo dimostrano due nuovi studi. Un' ottima notizia per iniziare la bella stagione

WhatsApp Share

Due nuovi studi hanno dimostrato che mangiare fragole tutti i giorni può ridurre i rischi per il cuore e l'insorgere del diabete, due disturbi cronici molto diffusi al giorno d'oggi.

Questi sudi hanno scoperto una relazione tra l'assunzione di fragole e l'abbassamento dei livelli di resistenza all'insulina, l'abbassamento del colesterolo e anche delle infiammazioni: tutti fattori che accrescono il rischio di diabete e problemi cardiaci.

Secondo il primo studio, siamo di fronte a un passo avanti per la prevenzione del diabete di tipo 2. Quando gli adulti obesi presi in esame consumavano bevande contenenti fragole, il livello di insulina nel sangue si riduceva in maniera significativa. Gli stessi individui mostravano una decrescita del livello di colesterolo cattivo e una riduzione del IL-6, una proteina che è uno dei più importanti mediatori della febbre e delle risposte di fase acuta; questo stava a significare una diminuzione del rischio infezioni.

Nel secondo studio, a degli obesi adulti veniva offerta una bibita liofilizzata alla fragola e poi venivano misurati i fattori che generalmente causano problemi cardiaci. Coloro che consumavano l'equivalente di quattro porzioni di fragole al giorno hanno visto scendere il livello di colesterolo e, allo stesso tempo, hanno mostrato un livello più alto di Glutatione, un forte antiossidante che riude il rischio di malattie croniche.

Ora che sta arrivando la bella stagione possiamo prendere spunto da queste ricerche e aggiungere delle deliziose fragole alla nostra dieta.  Possiamo goderci anche un tiramisù alle fragole; una ricetta gustosa e primaverile. Uniamo la bontà delle fragole alla tradizione dolciaria italiana, per ottenere un tiramisù da leccarsi i baffi.

a.po