Frutta secca contro l’obesità? Uno studio promuove noci, mandorle e pistacchi

La frutta secca sazia ed è ricca di proteine non animali. Perfetta per la dieta di chi vuol dimagrire

WhatsApp Share

La frutta secca, nelle giuste dosi, non è un pericolo per chi è in dieta e vuole perdere peso. Infatti sazia ed è ricca di nobili proteine. Lo spiega uno studio guidato dalla Loma Linda University School of Public Health e dalla International Agency for Research on Cancer, in collaborazione con 35 ricercatori che l'hanno revisionato.

La ricerca ha analizzato le informazioni sulla dieta e sull’indice di massa corporea di di 373.293 persone, tra i 25 e i 70 anni, reclutate tra il 1992 e il 2000 in 10 Paesi europei nell'ambito dello studio European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition.

La frutta secca è perfetta anche come spuntino. Mangiata lontano dai pasti, non fa ingrassare e apporta numerosi benefici al nostro organismo.

La media di peso acquisito dai partecipanti è stato di due chili e cento grammi in cinque anni. I ricercatori hanno rilevato che coloro che assumevano noci e frutta secca hanno preso meno peso durante l’arco di tempo analizzato. Inoltre i ricercatori hanno rilevato che i consumatori di noci, mandorle, nocciole, pistacchi, e noccioline correvano un rischio inferiore di sovrappeso e obesità nella misura del 5%.

Joan Sabaté, autore senior dello studio, consiglia di mangiare spesso questa frutta secca perché offre energia, grassi buoni, proteine, vitamine e minerali. In una certa misura può sostituire alcuni prodotti di origine animale.