Perché è meglio tritare l'aglio?

Aglio intero o tritato? Ecco come è meglio consumarlo per il nostro benessere

WhatsApp Share

Non è la prima volta che parliamo dell'aglio e delle sue innumerevoli virtù. Oggi vediamo un tecnica d'uso ideale che ci consente di godere il più possibile delle sue proprietà.

L'aglio contiene alliina; l'odore e il sapore caratteristici dell'aglio si sviluppano quando entra in azione un enzima chiamato alliinasi che trasforma l'alliina in una sostanza che ha l'odore tipico dell'aglio: l'allicina. 

L'allicina ha proprietà antiossidanti e antibiotiche, proprio quelle per cui è celebre l'aglio.

Affinché avvenga la reazione sopra descritta è importante fare a pezzi l'aglio dato che nei tessuti di ogni spicchio è contenuto l'enzima che serve a scatenare la reazione: l'alliinasi.

Questo significa che se tritiamo l'aglio avrà più efficacia e anche più sapore. Però ricordiamo che dopo i 37 gradi queste proprietà si perdono, quindi per godere degli effetti l'aglio crudo è preferibile.

Avete dell'aglio in cucina da tempo e vi state chiedendo cosa farne quando germoglia? Fortunatamente non è come le patate, leggete qui.

a.po